Iersera, complice un complesso concorso di concause, sono approdato al Chiri’n’go del Chamán, che stavano suonando gli Ea!. Io non lo sapevo mica che la cantante di questo simpatico complessino da spiaggia era una vecchia. Somiglia abbastanza alla Rosa che mi fa l’orlo ai pantaloni, solo che la Rosa, per qualche storia sanitaria sua, non si capisce un cazzo quando parla, che biascica tutte le parole. Questa invece (al secolo Pilar “La Mónica”), ovviamente non biascica, e canta anzi bene, come nei dischi, ma a me, vedere ‘sta vecchia in calzamaglia viola saltellare sul palco mi ha un po’ smontato. Poi possiamo anche discutere del fatto che le vecchie possano o non possano avere il diritto a cantare nei complessini, ognuno è libero di pensarla come vuole e non sarò io a scagliare la prima pietra, però ecco, a me peronalmente mi ha smontato abbastanza. Per cui ho bevuto il mio Tequila Sunrise, ho fatto finta di salutare a questo e a quello, e me ne sono andato.

Ora, la prossima volta che porterò alla sarta le mie mutande da rattoppare, starò molto attento, e sicuramente in un angolino sconosciuto della mia mente sentirò piccoline e leggere le note di Agua de limón, e mi spunterà un perfido sorriso di cui la Rosa ignorerà sempre origine e significato.

Annunci